Inward: Disevolving poem

Inward: Disevolving poem

 

 

 

Fino a tardo pomeriggio accampato
nel letto a osservare le ombre degli alberi
ondeggianti su queste tende azzurre
come pesciolini sotto limpide acque
che non hanno un dove andare
ma il solo piacere di andare

in disaccordo con l’evoluzione
della specie gli alberi e i pesci
sradicati nuotatori e arenati relitti
si muovono ugualmente insieme
avendo il medesimo divieto
un confine da non valicare

e io fantastico invece
di tuffarmici in fine improvviso
senza infrangere la scena
ma come tornando indietro
io adagiarmi vorrei sulla profondità
della superficie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...