Una Pietà XI

XI

Tagliai le unghie alle dita delle mani e passai a quelle dei piedi. E già sentivo un certo vigore scorrermi dentro le vene. Ricrescere. Risollevarmi. Ma ancora volli rimanere seduta. Respirai una, due, tre, quattro volte. Respirai. Profondamente. Mettendo le mani avanti come a spingere o a trattenere qualcosa nell’aria e scattai una foto mentale alle mie nuove dita. Poi sollevai una gamba sul bordo della sedia. Una leggera frescura entrava dalla finestra lasciata aperta, venne a lambirmi per le cosce nude infilate dentro i due buchi delle mutande. Poi passai all’altro piede. Ed eccole tutte lì, le mie unghie bianche e nere. Le guardavo intrecciate nel posacenere dove le avevo fatte cadere, deformate come una scacchiera di M. C. Escher, pensate a un’immagine riflessa dentro a uno specchio concavo o convesso, a seconda da quale parte si guarda, e da quel momento ebbi come la sensazione che il mio corpo, o forse qualcosa che aveva fatto parte del mio corpo, fosse rimasto indietro rispetto a me stessa e alla sua incontrollabile evoluzione o, ancora peggio, rivoluzione. La decomposizione del mio corpo, di quello che avrei scritto un giorno, forse nel futuro che andrebbe ad appassire il passato, la decomposizione del mio passato. Non mi è chiaro. Tutto non mi è chiaro. Dovevo fare in fretta e farmi una doccia. Dove. Prima che il campanello cominciasse a suonare. Mi spostai con tutta la carrozzella fino in bagno. Ma la lasciai fuori dalla porta, non mi serviva più, non mi è mai servita per fare certe cose. Quel cane, la voce, o la mancanza di voce, o in ogni caso l’operosità, il rovistare di quel cane nel mio giardino provocò in me il flusso del miracolo. O forse fu il pensiero futuro di quel ragazzo che aspettavo e che tra poco sarebbe arrivato a portarmi un blocco di fogli, a far rinascere in me la voglia, il desiderio, l’atto di essere donna, amante, puttana e madre, figlia del figlio, o qualunque cosa lui voglia che io sia. Dove sono. Dove.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...