Immagine Spikher: o Terza illuminazione

Non il cinema, né il teatro
e neanche la fotografia
ma solo chi dipinge crea
l’invisibile e l’inudibile/
////////////////%.
Quattro fornelli in cucina
condensano forme di vita
nera, rossa, verde, bianca:
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
antiche orme di vapore
che scalpitano dai cieli
impazienti, inoperosi
ancora e non per sempre +
++++++++++++++++
mentre sotto le lenzuola
della rivelazione giaccio
in preda all’ombre siderali.
…………………………
E come Erasmo Spikher,
senza più la sua immagine
riflessa, mi sembra ancora
sconvolgente il tempo
che s’attarda là fuori –
————————–
dai morsi del suo lauto
pasto. Ironica e sempre
acida sarà l’arte imbandita
dalle indipinte pergamene.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...